Autostrade per l'Italia

News

cerca fino alla data

AUTOSTRADE PER L’ITALIA, AL VIA I CORSI DELLA “SMART INFRASTRUCTURES ACADEMY” PER LA SICUREZZA DELLE INFRASTRUTTURE



Questo pomeriggio si è tenuta la cerimonia di apertura dei corsi alla presenza del sindaco Manfredi.
L’Ad di Autostrade per l’Italia Roberto Tomasi: “Tra i 24 studenti che seguiranno i corsi, 20 sono campani. Il Gruppo ASPI scommette sui talenti del Sud”.
Il Rettore Matteo Lorito: “Il modello Academy funziona, garantisce una preparazione che integra il percorso tradizionale”.

28 ottobre 2021 - Si è tenuta questo pomeriggio la cerimonia inaugurale dei corsi della SI Academy (Smart Infrastructures Academy), frutto della partnership tra l’Università degli Studi Federico II di Napoli e Tecne, società del Gruppo Autostrade per l’Italia, nell’ambito di una collaborazione in materia di formazione, didattica, ricerca e sviluppo. Questa iniziativa rientra nel progetto ASPI “Autostrade del Sapere”, un’ampia strategia di partnership con i più importanti atenei nazionali, tra le iniziative di valorizzazione e ampliamento delle competenze previste nell’ambito del piano di trasformazione del Gruppo ASPI.

La SI Academy di San Giovanni a Teduccio nasce, infatti, con l’obiettivo di formare alti profili professionali nell’ambito della concezione, gestione e monitoraggio delle infrastrutture stradali e autostradali. Le selezioni delle candidature per l’accesso ai corsi (raccolte tramite bandi rivolti a studenti laureati in ingegneria) hanno visto ricadere la scelta su 24 giovani neolaureati e 12 dipendenti del Gruppo (tra ASPI, Tecne e Tangenziale di Napoli), che potranno così aggiornare le proprie competenze seguendo un programma specifico. I corsi hanno durata semestrale.

La coesistenza tra il mondo degli studenti e il mondo dei professionisti - che insieme potranno ricevere gratuitamente una formazione d’eccellenza - rientra in pieno nella filosofia della SI Academy che parte dal presupposto che la sinergia tra i due universi (impresa e accademia) sia fondamentale per la crescita professionale e aziendale. Grazie a questa iniziativa, il Gruppo Autostrade per l’Italia (che in Campania conta più di 1.000 dipendenti) potrà tra l’altro contare su un “bacino di giovani talenti” dove considerare le nuove assunzioni previste dal Piano industriale di ASPI.

In base all’accordo siglato a maggio scorso - proposto all'Ateneo dal Dipartimento di Strutture per l'Ingegneria e l'Architettura diretto da Andrea Prota - nell’ambito della partnership con il Gruppo, la Federico II darà un contributo rilevante in termini di competenze tecnologiche, nei settori della progettazione di nuove opere, nel monitoraggio e nella valutazione della sicurezza delle infrastrutture esistenti, oltre che nel potenziamento della rete. L’Ateneo fornirà inoltre supporto nell’uso e nello sviluppo di tecnologie digitali studiate per la sicurezza della rete autostradale gestita da ASPI. Una collaborazione reciproca che interviene dunque nell’ambito di diverse aree tematiche: dai sistemi di trasporto e mobilità integrata alla digitalizzazione dei processi di progettazione, fino allo sviluppo di progetti di intelligenza artificiale applicata alla mobilità.

Una produttiva collaborazione scientifica nel supporto alla didattica, nel finanziamento di borse di studio e la gestione di tirocini formativi che vede impegnata operativamente con le strutture dell’ateneo Tecne, il cui Presidente è Ennio Cascetta e Amministratore delegato Stefano Susani, società del Gruppo che svolge attività di progettazione, ingegneria e direzione lavori e che rappresenta uno dei tasselli strategici del Piano di Trasformazione di ASPI: un piano industriale da 21,5 miliardi complessivi, tra investimenti e ammodernamento della rete, che si basa sulla sicurezza e l’efficientamento delle infrastrutture, nell’ottica di una mobilità sostenibile e dell’implementazione dei servizi offerti. Un’ampia strategia che coinvolge tutte le società del Gruppo.

“Il sapere è fattore strategico di sviluppo ed è questa l’essenza dell’iniziativa avviata con la prestigiosa Università Federico II di Napoli” afferma l’Amministratore delegato di Autostrade per l’Italia, Roberto Tomasi. “Il fatto di avviare questo percorso a Napoli assume un significato ancor più importante: tra i 24 giovani selezionati, 20 sono infatti campani; l’azienda sceglie dunque di scommettere sui talenti del Sud. In generale, nel complesso percorso di trasformazione avviato a inizio 2020 dalla nostra azienda, la sinergia con il mondo delle università è tassello fondamentale. Partiamo infatti dal presupposto - aggiunge Tomasi - che coltivare le competenze delle persone sia indispensabile per affrontare le sfide del futuro, tra sostenibilità e innovazione tecnologica. Per affrontare queste sfide abbiamo bisogno di giovani brillanti e seniority sempre più aggiornate: profili innovativi, al passo con i tempi, persone che siano artefici del cambiamento del Gruppo e, più in generale, del sistema-Paese. È questo il senso del progetto “Autostrade del Sapere” della Autostrade Corporate University, iniziativa che vede in campo sul territorio nazionale un lavoro corale con le principali istituzioni universitarie. Ed è questa la strada per diventare primario operatore della mobilità integrata: mettiamo a fattor comune e implementiamo - grazie alla collaborazione scientifica con le Università - un know how sviluppato in questi due anni di sperimentazioni all’avanguardia”.

“La Smart Infrastructures Academy rientra nelle azioni intraprese nel percorso di collaborazione tecnico-scientifica tra Federico II e ASPI” dichiara il Rettore dell’Università degli Studi Federico II di Napoli, Matteo Lorito. “Il format adottato è molto flessibile e garantirà sia il lifelong learning delle figure professionali già presenti in azienda sia per la formazione avanzata ed il reclutamento di giovani laureati. L’obiettivo è duplice: consentire di aggiornare e di formare i profili tecnici che potranno garantire ad ASPI di portare avanti un’azione costante per la sicurezza delle infrastrutture è una grande opportunità perché include giovani nostri laureati o laureandi ma anche personale che andrà in azienda si aggiunge a lungo e al lungo elenco di Academy una delle ultime nate.
E parte in un giorno un po' particolare. Perché è appena stato approvato al Senato il DDL sulle lauree abilitanti vuol dire che stiamo andando nella direzione giusta, quella di portare i ragazzi sempre più vicini al mondo del lavoro, in modo che possono trovare lavoro e dare il vero contributo al paese, specialmente alla luce del PNRR. Il modello delle Academy funziona è una preparazione che non sostituisce ma Integra il percorso tradizionale” conclude il Rettore.