Previsioni Meteo

Consulta le previsioni meteorologiche
prima di metterti in viaggio!

Previsioni meteo per giovedì 11

giovedì 11
fascia oraria:
Zoom  per altre informazioni clicca qui sotto clicca sotto    Stampa Stampa Vedi sulla stessa mappa: Traffico  Pedaggi  Servizi  PuntoBlu 
Legenda completa »

Legenda Meteo

  • Rete Autostrade per l'Italia
  • Sereno
  • Nuvoloso
  • Coperto
  • Pioggia
  • Rete Altre Concessionarie
  • Rovesci
  • Temporale
  • Neve
  • Nebbia
a cura di Aeronautica militare Centro Meteo Italiano

Nord

Nuvolosita' consistente con nevicate associate su Valle d'Aosta e sul settore delle Alpi piemontesi piu' esposto ad ovest; sul resto del nord inizialmente si avranno prevalenti spazi di sereno ma con nubi che aumenteranno rapidamente da ovest gia' durante il pomeriggio: dalla sera isolate precipitazioni su Friuli-Venezia Giulia, settore piu' orientale del Veneto, Appennino emiliano-romagnolo e restante settore centro-orientale della regione e solo localmente la Liguria di levante, con quota neve intorno 1000 metri sull'Appennino ed intorno 800 metri sul friuli-veenzia giulia

Centro

Prevalenti schiarite sul centro peninsulare con qualche nube in piu' sulle aree appenniniche di Toscana, Umbria e Lazio e nubi in successivo aumento da ovest: dalla sera prime precipitazioni sulla Toscana, in estensione notturna ad Umbria, Lazio e localmente alle aree appenniniche di Marche ed Abruzzo; nuvolosita' irregolare anche intensa sulla Sardegna, con prime precipitazioni dal tardo pomeriggio ad iniziare dal settore meridionale e che diventeranno del tutto occasionali tra la tarda notte ed il primo mattino. Quota neve sull'Appennino oltre 1000 metri

Sud

Molte nubi su tutte le regioni con isolate precipitazioni, localmente temporalesche sulla Calabria tirrenica, ma in rapido seppur non totale miglioramento gia' dal primo pomeriggio: nubi anche consistenti associate a precipitazioni infatti continueranno ad essere possibili su Sicilia e Calabria e tenderanno a divenire moderatamente piu' frequenti tra la notte ed il mattino

Temperature

Massime in calo sulla pianura-padana e lungo tutte le regioni peninsulari del versante orientale ad esclusione del Friuli-Venezia Giulia, senza variazioni di rilievo sul resto d'Italia o al piu' in lieve aumento sull'apppennino centrale e sulla Sardegna orientale; minime in aumento sulla Sicilia, sul centro peninsulare e sulle pianure di Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna, stazionarie sul resto del paese

Venti

Mediamente dai quadranti occidentali: deboli al nord, con locali rinforzi da sud-ovest sulla Liguria di levante ed in rotazione da nord, con locali rinforzi, sul resto della regione; da deboli a moderati sul resto d'Italia, con i rinforzi maggiori sulla Sardegna settentrionale ed al sud, specie versante tirrenico

Situazione in Europa

Lo scenario europeo e'' caratterizzato da una ampia depressione su gran parte del settore settentrionale che, limitata nello spostamento verso levante dalla presenza di un blocco anticiclonico sul nord della Russia, tende a spingersi moderatamente verso latitudini piu' meridionali costringendo il flusso perturbato principale a latitudini mediterranee. Si configura, pertanto, un flusso con decisa componente zonale con jet streak sulla penisola italiana. A fine scadenza il flusso tende a subire una ondulazione, seppur poco pronunciata, in corrispondenza della Sardegna con sviluppo in senso meridiano. A d+1 la tenue saccatura continua a progredire verso levante mentre una ondulazione piu' marcata sulla francia si approfondisce ulteriormente con una decisa avvezione di aria fredda su gran parte dei paesi a ridosso dell'arco alpino. Conseguenza diretta e'' la compressione del flusso zonale il cui elevato gradiente determina una ventilazione sostenuta in area mediterranea sia nella media troposfera che nei bassi strati. A d+2 l'ampia depressione settentrionale continua a far ruotare dei propri nuclei a cadenza quasi regolare sui paesi piu' meridionali che subiranno il passaggio di una serie di perturbazioni

Situazione in Italia

L'Italia e'' caratterizzata da un deciso flusso zonale sulle regioni centro meridionali e da una lieve curvatura ciclonica su quelle settentrionali. Tutto cio' si riflette con marcate condizioni di instabilita' sul settore tirrenico meridionale accentuate dall'effetto orografico degli appennini. A d+1 la penisola italiana sara' attraversata da una debole saccatura che fara' da apripista ad un marcato peggioramento dovuto all'ingresso della saccatura nord atlantica che dalla francia si portera' sulle regioni italiane. La presenza del getto si fara' ancora sentire anche al suolo con una ripresa di intensita' della ventilazione su buona parte del territorio. A d+2 tutto il territorio nazionale sara' caratterizzato da una configurazione ciclonica con la formazione di un minimo barico sulle regioni centrali a cui sono associati elevati valori di vorticita' potenziale in rapido spostamento verso i balcani

Evoluzione

giovedì 11: Molte nubi al mattino sulle aree alpine ed appenniniche con nevicate sparse sui rilievi di confine con quota neve sino a 300-500 metri. Sulle rimanenti aree settentrionali nubi medio alte ma con annuvolamenti in intensificazione con qualche fenomeno gia' dal mattino sulla Romagna e coste tra Veneto e Friuli venezia giulia. Nel corso del pomeriggio cielo in prevalenza coperto ovunque con nevicate localmente abbondanti su Valle d'Aosta ed aree confinali del Piemonte; piogge sparse altrove, piu' significative su Liguria e sull'Emilia Romagna. Su quest'ultima, in particolare, i fenomeni saranno nevosi ed abbondanti a quote superiori a 800-1000 metri. Nel corso della serata attenuazione delle precipitazioni e della nuvolosita' ad eccezione dell'Emilia Romagna e settori meridionali di Lombardia, Veneto e Friuli venezia giulia. Al centro al primo mattino addensamenti compatti sulle regioni tirreniche e sulla dorsale appenninica con rovesci sparsi su Toscana e Sardegna meridionale, velature altrove. Seguira' un generale aumento della copertura nuvolosa che dara' luogo a piogge diffuse e localmente intense, specie sul settore tirrenico dove saranno in prevalenza a carattere di rovescio o temporale. Quota neve intorno a 800-1000 metri sui rilievi toscani e al di sopra dei 1300 sul resto della dorsale appenninica. Molte nubi anche sul settore tirrenico meridionale con precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporale su Calabria e Sicilia. Dalla tarda mattinata nuvolosita' in generale aumento su tutte le regioni con estensione pomeridiana delle precipitazioni a Molise, Campania, Basilicata tirrenica e Puglia. Venti in intensificazione in prevalenza dai quadranti occidentali su Sardegna, Liguria e regioni tirreniche, rinforzi di foehn sulla Liguria

venerdì 12:

sabato 13: Lle ore 24:00 del 11/02/16: diagnosi sinottica su scenario europeo: lo scenario europeo e'' caratterizzato da una ampia depressione su gran parte del settore settentrionale che, limitata nello spostamento verso levante dalla presenza di un blocco anticiclonico sul nord della Russia, tende a spingersi moderatamente verso latitudini piu' meridionali costringendo il flusso perturbato principale a latitudini mediterranee. Si configura, pertanto, un flusso con decisa componente zonale con jet streak sulla penisola italiana. A fine scadenza il flusso tende a subire una ondulazione, seppur poco pronunciata, in corrispondenza della Sardegna con sviluppo in senso meridiano. A d+1 la tenue saccatura continua a progredire verso levante mentre una ondulazione piu' marcata sulla francia si approfondisce ulteriormente con una decisa avvezione di aria fredda su gran parte dei paesi a ridosso dell'arco alpino. Conseguenza diretta e'' la compressione del flusso zonale il cui elevato gradiente determina una ventilazione sostenuta in area mediterranea sia nella media troposfera che nei bassi strati. A d+2 l'ampia depressione settentrionale continua a far ruotare dei propri nuclei a cadenza quasi regolare sui paesi piu' meridionali che subiranno il passaggio di una serie di perturbazioni. diagnosi sinottica su area nazionale: l'Italia e'' caratterizzata da un deciso flusso zonale sulle regioni centro meridionali e da una lieve curvatura ciclonica su quelle settentrionali. Tutto cio' si riflette con marcate condizioni di instabilita' sul settore tirrenico meridionale accentuate dall'effetto orografico degli appennini. A d+1 la penisola italiana sara' attraversata da una debole saccatura che fara' da apripista ad un marcato peggioramento dovuto all'ingresso della saccatura nord atlantica che dalla francia si portera' sulle regioni italiane. La presenza del getto si fara' ancora sentire anche al suolo con una ripresa di intensita' della ventilazione su buona parte del territorio. A d+2 tutto il territorio nazionale sara' caratterizzato da una configurazione ciclonica con la formazione di un minimo barico sulle regioni centrali a cui sono associati elevati valori di vorticita' potenziale in rapido spostamento verso i balcani. Evoluzione prevista per le prossime 72 ore: evoluzione per il giorno 10 febbraio 2016: precipitazioni diffuse ma di debole entita' al sud, in attenuazione, ad esclusione dei versanti tirrenici di Calabria e Sicilia. Nuovo peggioramento, debole, al nord ovest in serata e localmente piu' marcato su Toscana. Ventilazione sostenuta sulle regioni tirreniche meridionali e sulla Puglia. evoluzione per il giorno 11 febbraio 2016: molte nubi al mattino sulle aree alpine ed appenniniche con nevicate sparse sui rilievi di confine con quota neve sino a 300-500 metri. Sulle rimanenti aree settentrionali nubi medio alte ma con annuvolamenti in intensificazione con qualche fenomeno gia' dal mattino sulla Romagna e coste tra Veneto e Friuli venezia giulia. Nel corso del pomeriggio cielo in prevalenza coperto ovunque con nevicate localmente abbondanti su Valle d'Aosta ed aree confinali del Piemonte; piogge sparse altrove, piu' significative su Liguria e sull'Emilia Romagna. Su quest'ultima, in particolare, i fenomeni saranno nevosi ed abbondanti a quote superiori a 800-1000 metri. Nel corso della serata attenuazione delle precipitazioni e della nuvolosita' ad eccezione dell'Emilia Romagna e settori meridionali di Lombardia, Veneto e Friuli venezia giulia. Al centro al primo mattino addensamenti compatti sulle regioni tirreniche e sulla dorsale appenninica con rovesci sparsi su Toscana e Sardegna meridionale, velature altrove. Seguira' un generale aumento della copertura nuvolosa che dara' luogo a piogge diffuse e localmente intense, specie sul settore tirrenico dove saranno in prevalenza a carattere di rovescio o temporale. Quota neve intorno a 800-1000 metri sui rilievi toscani e al di sopra dei 1300 sul resto della dorsale appenninica. Molte

Tendenza

domenica 14: Iniziali condizioni di variabilitàcon addensamenti nuvolosi associati a rovesci su Sardegna, Toscana, Lazio, Umbria e Sicilia. Peggioramento nel corso del pomeriggio su tutta la penisola ma in forma piàmarginale al nord ovest, aree adriatiche centro meridionali e settore ionico

lunedì 15: Attenuazione dei fenomeni al nord, temporanea al nord est per il ripresentarsi di un peggioramento a fine giornata. Persistenza di maltempo al centro sud con precipitazioni localmente intense