Previsioni Meteo

Consulta le previsioni meteorologiche prima di metterti in viaggio!

Previsioni meteo per sabato 19

domenica 20
fascia oraria:
Zoom  per altre informazioni clicca qui sotto clicca sotto    Stampa Stampa Vedi sulla stessa mappa: Traffico  Pedaggi  Servizi 
Legenda completa »

Legenda Meteo

  • Rete Autostrade per l'Italia
  • Sereno
  • Nuvoloso
  • Coperto
  • Pioggia
  • Rete Altre Concessionarie
  • Rovesci
  • Temporale
  • Neve
  • Nebbia
A cura dell'Aeronautica Militare Aeronautica militare

Nord

Molte nubi sull'arco alpino centro-occidentale e sulle aree appenniniche, con possibili nevicate al di sopra dei 500/600 metri in attenuazione pomeridiana; da parzialmente nuvoloso a nuvoloso sulle restanti zone con nubi medio-basse sulla pianura padano-veneta e deboli piogge sulla Romagna in attenuazione pomeridiana. Nella corso della notte, e fino al mattino seguente, nubi in diradamento ma foschie dense o locali banchi di nebbia sulla parte orientale della pianura padana

Centro

Nuvolosita' estesa a tratti compatta su gran parte delle regioni con locali piogge e rovesci su bassa Toscana, Umbria, Lazio, lungo la costa marchigiana, aree interne dell'Abruzzo e Sardegna centro-occidentale. Nel tardo pomeriggio e serata temporanea attenuazione delle piogge e nubi sulle regioni peninsulari, mentre le precipitazioni sulla Sardegna potranno assumere carattere temporalesco soprattutto sulla parte occidentale e meridionale dell'isola. Nella mattinata di domani locali temporali in arrivo sulle coste laziali e toscane. Nella notte fino al mattino foschie dense e locali banchi di nebbia sulle vallate interne e lungo i litorali

Sud

Schiarite alternate ad annuvolamenti localmente anche compatti su gran parte delle regioni con possibilita' di isolate precipitazioni localmente anche temporalesche sulla Puglia meridionale. Nubi in temporaneo diradamento nella serata, ma nel corso della notte e nella mattinata di domani nuovo aumento della nuvolosita' su Sicilia Calabria tirrenica e Campania con possibilita' di isolati temporali sulle aree costiere. Nella notte fino al mattino foschie dense e locali banchi di nebbia sulle vallate interne e lungo i litorali

Temperature

Minime in flessione al nord, stazionarie o in lieve calo al centro sud; massime senza variazioni di rilievo al sud; in generale calo sul resto del paese

Venti

Moderati settentrionali su Liguria e coste adriatiche settentrionali; deboli di direzione variabile altrove

Situazione in Europa

Una vasta saccatura abbraccia tutto lo scenario, con contrapposto solamente un anticiclone sull'atlantico centrale. In evidenza due onde: una sulla groenlandia e l'altra, piu' approfondita che dal baltico si estende fino al mar nero; un altro asse di saccatura e' presente al traverso dell'Europa centromeridionale sconfinante sull'algeria, originato da un minimo relativo centrato sulla gran bretagna. Un promontorio interciclonico si sviluppa tra islanda e groenlandia orientale. Avvezione di aria polare interessa tutto il continente. Per fine giornata persiste il promontorio interciclonico sul mar di norvegia come anche la depressione tra baltico ed est europeo, mentre piu' a s la saccatura trasla sul Mediterraneo centrale; nel contempo un nuovo asse si origina tra francia e penisola iberica. A d+1 permane la vasta area depressionaria su tutto il continente e sul nord Africa, con l'asse sull'Italia che trasla verso e mentre la saccatura tra germania a penisola iberica tende ad approfondirsi sul comparto sudoccidentale, estendendo l'avvezione di aria polare continentale marittimizzata alle coste marocco-tunisino-algerine. A d+2 persiste l'ampia saccatura con asse al traverso di tutta l'Europa, mentre il bordo settentrionale dell'anticiclone atlantico e' deformato per il veloce e potente approfondimento di un nuovo vortice generatosi sul canada che per fine giornata avra' subito uno stretching ad opera del forte flusso meridiano

Situazione in Italia

Un asse depressionario inizia ad interessare l'Italia con associata avvezione di aria polare continentale, mentre un minimo relativo nei bassi strati dal Tirreno settentrionale tende a traslare verso l'Adriatico. A d+1 l'asse attraversa l'Italia con una tda piu' evidente sulle estreme regioni meridionali, che pero' e' spinta velocemente verso l'egeo per una lieve ripresa del geopotenziale sullo Ionio. Per fine giornata una nuova saccatura si affaccia al nord e poi sulle regioni tirreniche. A d+2 la saccatura interessa ormai direttamente la penisola, con effetti piu' evidenti al centro-nord dove e' presente anche il maggior richiamo di aria polare

Evoluzione

sabato 19: Deboli precipitazioni sparse al centro-sud, in temporanea attenuazione serale. Locali rinforzi di vento da n su Liguria, da ne su Friuli-Venezia Giulia e Veneto

domenica 20: Deboli fenomeni al mattino su Lazio, Campania settentrionale, Sicilia occidentale e settore appenninico centrale, nevicate sui rilievi di Abruzzo e Lazio oltre i 1200-1300 metri. Dal pomeriggio generale intensificazione ed estensione dei fenomeni anche ad Abruzzo, Umbria meridionale, Molise e Puglia settentrionale

lunedì 21: Deboli precipitazioni su Sardegna, Marche, Abruzzo, Molise, Umbria, Lazio, coste campane e della Sicilia occidentale; dal pomeriggio intensificazione sulle isole ed estensione al restante centro-sud. Nevicate sui rilievi appenninici. Venti in intensificazione da n sulla Liguria, da se sulla Sicilia occidentale e da ne sulla Sardegna al mattino, in estensione alle coste tirreniche dal pomeriggio

Tendenza

martedì 22: Condizioni di maltempo sulle regioni centrali, ad eccezione della Toscana, e meridionali con precipitazioni diffuse anche a carattere temporalesco sulle aree costiere ioniche e del basso Tirreno, nevoso sull'Appennino centrale e sul Molise a quote superiori ai 700 metri. Cielo sereno sulle altre zone con annuvolamenti notturni su nord-ovest e regioni dell'alto Adriatico

mercoledì 23: Nuvolosita' diffusa ovunque, piu' compatta al centro-sud, su nord-ovest e Friuli-Venezia Giulia con precipitazioni moderate, in estensione serale anche all'Emilia-Romagna; nevicate al mattino sulle regioni nordoccidentali da quote di pianura, piu' intense su Liguria e Piemonte, in estensione dal pomeriggio a Toscana ed Umbria e dalla serata ad Emilia-Romagna ed Appennino centrale oltre i 600 metri