Previsioni Meteo

Consulta le previsioni meteorologiche
prima di metterti in viaggio!

Previsioni meteo per venerdì 26

sabato 27
fascia oraria:
Zoom  per altre informazioni clicca qui sotto clicca sotto    Stampa Stampa Vedi sulla stessa mappa: Traffico  Pedaggi  Servizi 
Legenda completa »

Legenda Meteo

  • Rete Autostrade per l'Italia
  • Sereno
  • Nuvoloso
  • Coperto
  • Pioggia
  • Rete Altre Concessionarie
  • Rovesci
  • Temporale
  • Neve
  • Nebbia
a cura di Aeronautica militare Centro Meteo Italiano

Nord

Sereno o poco nuvoloso salvo addensamenti a ridosso dei rilievi e sulla pianura padana orientale

Centro

Sereno o poco nuvoloso ma con annuvolamenti pomeridiani sui rilievi

Sud

Parzialmente nuvoloso sulla Campania, Calabria, Sicilia orientale ed aree appenniniche del Molise, Puglia e Basilicata con locali rovesci sulle aree calabro-lucane e della Sicilia orientale, in dissolvimento serale con ampie schiarite

Temperature

Massime in lieve calo sul nordovest; senza apprezzabili variazioni altrove, salvo un moderato aumento tra Puglia orientale e Basilicata; minime stazionarie

Venti

Moderati nordoccidentali al sud con rinforzi su Puglia e Calabria ionica; deboli nordoccidentali al centro, con locali rinforzi sottocosta; deboli variabili al nord

Situazione in Europa

Lo scenario sinottico sull'Europa si presenta caratterizzato dal flusso principale artico notevolmente perturbato che, sull'atlantico scende fino al latitudini mediterranee giungendo a lambire le coste occidentali della penisola iberica, per portarsi poi al di sopra del 50°n in area europea, mentre il flusso principale sub-tropicale e' notevolmente perturbato intorno al 45°n su tutto lo scenario europeo, delimitando a sud una estesa area anticiclonica, da cui risalta un promontorio sull'Europa centroccidentale che si protende fino alla scandinavia centrale. L'Europa orientale infine continua ad essere interessato da una area piu' temperata caratterizzata da un campo di pressioni decisamente piu' lasco rispetto all'Europa occidentale al cui interno si rilevano due minimi in quota, in scorrimento lungo direttrice del flusso. In area baltica infine si rileva un intenso delta che permette la discesa di aria piu' fredda in quota dalla saccatura scandinava che giunge fino alla penisola balcanica arrivando ad alimentare con nuova tda il minimo in quota sulla grecia. A d+1 dalla saccatura atlantica si isolano due minimi, il primo dei quali si porta verso nord-est, giungendo ad interessare la gran bretagna, mentre il secondo si mantiene a latitudini mediterranee ed inizia a traslare verso levante, trascinando gradualmente verso est anche il promontorio sull'Europa centroccidentale, che oltretutto subisce un moderato tilting verso est, nella sua parte piu' settentrionale, per la permanenza sulla grecia del minimo in quota, facendo cosi' ruotare verso est l'asse freddo dell'intensa saccatura scandinava. A d+2 continua il tilting verso levante del promontorio sull'Europa che finisce cosi' per erodere il bordo occidentale dell'area temperata orientale, isolando cosi' un esteso minimo in quota sul Mediterraneo centrorientale. Il minimo atlantico inoltre continua la sua traslazione verso levante giungendo a posizionarsi appieno sulla penisola iberica

Situazione in Italia

L'Italia risulta interessata da un esteso promontorio che assicura condizioni di generale stabilita' su tutto il paese; soltanto le regioni ioniche peninsulari continuano a risentire della presenza del minimo in quota sullo Ionio orientale ma in graduale traslazione verso levante, con valori di baroclinicita' leggermente piu' alti rispetto al resto del paese. A d+1 si assesta ulteriormente l'alta pressione su tutto il territorio nazionale apportando ovunque condizioni di generale stabilita'. A d+2 permane la presenza dell'alta pressione sull'Italia, con associate condizioni di generale stabilita'; soltanto il centro-sud risultera' interessata da una debole area pseudo-frontale dovuta al progressivo isolarsi di un minimo in quota sul Mediterraneo centrorientale, che comunque non portera' fenomeni di rilievo

Evoluzione

venerdì 26: Condizioni che tendono a divenire sempre piu' stabili seppur con isolata residua debole fenomenologia sulle aree ioniche dove potremo ancora avere qualche debole isolato rovescio o temporale, in attenuazione serale. Venti in generale moderati dai quadranti settentrionali al centro-sud, in parziale attenuazione serale; generalmente deboli variabili al nord e sulla Sardegna

sabato 27: Al primo mattino, sulle regioni alpine e prealpine avremo addensamenti compatti sulle aree montuose e nubi medio-alte e stratificate sulle aree pianeggianti, senza fenomeni di rilievo; cielo sereno o poco nuvoloso sul resto del paese. Dal pomeriggio diradamento della nuvolosita' medio-alta sulle regioni alpine e prealpine. Venti moderati da nord sulle regioni centromeridionali con locali rinforzi sulla Puglia centromeridionale e sulla Calabria ionica,; deboli dai quadranti meridionali al nord

domenica 28: Ancora addensamenti compatti a ridosso delle aree alpine e prealpine con al piu' qualche isolato debole rovescio o temporale, specie nelle ore centrali della giornata; isolati addensamenti cumuliformi dalla tarda mattinata sulle regioni meridionali tirreniche peninsulari, con deboli rovesci o temporali sulla Calabria tirrenica e Sicilia ionica in attenuazione serale. Ventilazione moderata da nord-est sulle regioni meridionali peninsulari con locali rinforzi sulla Puglia meridionale e Calabria ionica

Tendenza

lunedì 29: Nuvolosita' compatta al mattino su Alpi, preAlpi, e regioni ioniche con deboli rovesci o temporali sparsi associati. Dal pomeriggio diradamento della nuvolosita' compatta e attenuazione sulle regioni ioniche ma graduale aumento delle velature sulle regioni alpine e prealpine, in aggiunta alla nuvolosita' compatta preesistente, con deboli rovesci o temporali sparsi che continueranno a persistere anche in serata

martedì 30: Al primo mattino nubi compatte sulle aree alpine e prealpine di Lombardia, Piemonte e Valle d'Aosta, con qualche isolato debole piovasco associato; cielo sereno o poco nuvoloso altrove. Aumento delle nubi cumuliformi dalla tarda mattinata sulle aree alpine e prealpine, appenniniche centrali e sulle regioni meridionali, con associati rovesci temporali da sparsi a diffusi sulle aree alpine e prealpine e deboli isolati rovesci invece al centro-sud, specie a ridosso dei rilievi appenninici. Graduale diradamento della nuvolosita' cumuliforme ed attenuazione dei fenomeni dal tardo pomeriggio, con in serata cielo in generale velato sulle aree alpine e prealpine e poco nuvoloso sul resto del territorio