Previsioni Meteo

Consulta le previsioni meteorologiche
prima di metterti in viaggio!

Previsioni meteo per domenica 23

lunedì 24
fascia oraria:
Zoom 
per altre informazioni clicca qui sotto clicca sotto   
Stampa Stampa Vedi sulla stessa mappa: Traffico  Pedaggi  Servizi  PuntoBlu 
Legenda completa »

Legenda Meteo

  • Rete Autostrade per l'Italia
  • Sereno
  • Nuvoloso
  • Coperto
  • Pioggia
  • Rete Altre Concessionarie
  • Rovesci
  • Temporale
  • Neve
  • Nebbia

Nord

Estesa nuvolosita' bassa su Liguria, gran parte dell'Emilia-Romagna, Piemonte sud-orientale e settori meridionali della Lombardia, con qualche debole precipitazione sulla Liguria, ma in attenuazione. Prevalente soleggiamento sul resto del nord seppur con velature in transito da ovest verso est ed in nuova intensificazione serale su Piemonte e Valle d'Aosta. Dopo il tramonto foschie dense e nebbie si formeranno sulla pianura padano-veneta e lungo i litorali adriatici, con nubi in diradamento solo parziale

Centro

Nuvolosita' medio-alta stratiforme sempre piu' estesa e consistente sulla Sardegna ma senza fenomeni associati. Annuvolamenti sparsi sulle regioni tirreniche, ma per nubi per lo piu' medio-alte stratiformi, in graduale diradamento con il passare delle ore. Nubi in graduale aumento su Marche, Umbria e zone interne dell'Abruzzo, ma senza fenomeni signifiativi, poche nubi sulle restanti zone. Nottetempo formazione di banchi di nebbia su i litorali e nelle vallate interne

Sud

Cielo pressoche' sgombro da nubi, eccezion fatta per qualche addensamento sul settore orientale e meridionale della Sicilia e con velature in arrivo dal pomeriggio sulle regioni peninsulari del basso Tirreno. Al primo mattino foschie localmente dense ed occasionali banchi di nebbia nelle valli e sulle zone pianeggianti

Temperature

Minime in aumento su Piemonte e sull'area alpina, in lieve flessione sull'Appennino centrale. Massime in lieve aumento su Toscana, Umbria e Marche e sul settore alpino orientale, in lieve flessione sulla pianura padana, stazionarie sul resto del territorio

Venti

Deboli settentrionali sulle regioni orientali del nord, sulle adriatiche centro-meridionali e sui settori jonici, con rinforzi su Puglia ed aree joniche peninsulari; deboli variabili sul resto del nord con rinforzi da nord-est sulla Liguria; da deboli a moderati sud-orientali sulla Sardegna, con rinforzi maggiori sul settore meridionale e settentrionale; deboli orientali o sud-orientali sul resto del paese, con qualche rinforzo da sud-est sulle coste di Toscana, alto Lazio e Sicilia occidentale

Situazione in Europa

La circolazione atmosferica continua a presentare delle velocita' zonali piuttosto basse sull'area europea e decisamente piu' elevate invece sull'atlantico centro-settentrionale. All'origine di questo persistente rallentamento sull'area continentale, ancora ben evidenziato da un indice ao in ripresa ma ancora negativo, continua ad esserci l'azione di blocco esercitata dall'anticiclone dinamico presente sulla Russia europea, cui si aggiunge il promontorio sviluppatosi sul Mediterraneo. Il campo di massa e' tuttavia in diminuzione sull'atlantico centrale, per effetto della maturazione di una linea di sviluppo che viaggia in seno alla saccatura principale della depressione a sud della groenlandia. Ne consegue una rapida traslazione verso est del promontorio interciclonico che separa detta saccatura da un'altra area depressionaria centrata sul mare del nord e soggetta ad un processo di stretching che porta alla formazione di un nuovo cut-off a ridosso del portogallo, dove si isola un'anomalia attiva della tropopausa dinamica caratterizzata da una consistente avvezione di vorticita' positiva. A d+1 mentre l'anticiclone sulla Russia europea continua ad esercitare l'azione di blocco, pur con correnti antizonali che scorrono sul suo bordo sudorientale, la ripresa della velocita' zonale sull'Europa settentrionale tende ad erodere la sommita' del promontorio che si diparte dal Mediterraneo centrale; detta figura anticiclonica, inoltre, tende ad essere erosa sul suo bordo occidentale dal lento progresso verso est della depressione presente sulla penisola iberica e sul settore occidentale del bacino, con conseguente flusso sudoccidentale che tende ad intensificarsi deprimendo il campo di massa. A d+2 l'arrivo di una nuova depressione in atlantico centrale, soggetto che tende ad evolvere in stretching e cut-off come quello che lo ha preceduto, imprime un ulteriore shift verso est all'area depressionaria sul Mediterraneo occidentale con la linea di discontinuita' tra la massa d'aria pre-esistente e l'aria appartenente alla depressione che si dispone lungo il 10°e

Situazione in Italia

Sull'Italia il campo di massa e' alto e livellato, tuttavia si nota in area tirrenica la discontinuita' tra il flusso in quota che mantiene una componente settentrionale e quello nei bassi strati che tende ad assumere una componente meridionale per la diminuzione della pressione atmosferica sul Mediterraneo occidentale e sul nord Africa. In seno al flusso meridionale sul bordo ascendente del promontorio, viaggia inoltre una consistente avvezione calda tra 700 e 500 hpa, avvezione che identifica la presenza di un fronte caldo in quota che scorre con direttrice nord-ovest sud-est consistentemente con il flusso in quota, flusso in seno al quale viaggia anche un'onda corta che origina una moderata avvezione di vorticita' positiva. La compressione adiabatica al top del pbl e' inoltre all'origine di una persistente inversione termica al centro-nord. A d+1 la parte piu' attiva della depressione sul Mediterraneo occidentale si spinge nell'entoterra algerino, con conseguente sviluppo di una wcb di tipo forward diretta verso il settore centrale del Mediterraneo, quindi verso le regioni tirreniche e la Sardegna. A d+2 il campo di massa tende a cedere ulteriormente tra la Sardegna e le regioni tirreniche. Il flusso nei bassi strati assume una piu' decisa componente meridionale e la wcb diviene instabile. Ne consegue un moderato forcing convettivo che si estende dal canale di Sardegna al medio e alto Tirreno al Mar Ligure

Evoluzione

domenica 23: Persistenza di condizioni di tempo mediamente stabile. Foschie dense e locali nebbie sulle pianure settentrionali e valli del centro in nuova intensificazione nella serata. Nuvolosita' diffusa tra il nord-ovest, le regioni tirreniche, la Sardegna e la Sicilia. Nubi piu' basse tra la Liguria, la Toscana e il Lazio, con qualche debole pioggia

lunedì 24: Condizioni caratterizzate dall'aumento della nuvolosita' su tutto il settore di ponente, ma si trattera' per lo piu' di nubi medio-alte stratiformi che non saranno pero' associate a fenomeni di particolare rilievo. Ancora presenza di nebbia al nord e nelle zone interne del centro

martedì 25: Nuvolosita' in ulteriore intensificazione sulle regioni che guardano a ponente. Rovesci o isolati temporali sulla Sardegna gia' dal mattino ma piu' probabili nella seconda parte della giornata. Piogge sulla Liguria, sull'alta Toscana e sulla Sicilia occidentale, con fenomeni che nella serata potranno assumere carattere di rovescio o temporale sulle coste liguri e toscane. Nebbia al nord e nelle zone interne del centro

Tendenza

mercoledì 26: Nubi diffuse su gran parte del paese, con piogge altrettanto diffuse e localmente anche a carattere di rovescio o temporale sulla Sardegna, sulla Liguria e sulle regioni centrali, dapprima quelle tirreniche e poi anche su quelle adriatiche. Piu' scarsa o del tutto assente la probabilita' di pioggia sul resto del paese. Temperature in diminuzione, venti dai quadranti orientali o meridionali, in genere deboli ma con rinforzi via via piu' consistenti sulle regioni centrali e sulla Sardegna

giovedì 27: Ancora nubi e piogge diffuse sulle regioni centrali, sulla Liguria e sulle isole maggiori; nuvolosita' anche al nord e al sud peninsulare, ma con scarsa probabilita' di pioggia. Temperature stazionarie, venti deboli o moderati meridionali su tutte le regioni e mari generalmente mossi