Previsioni Meteo

Consulta le previsioni meteorologiche
prima di metterti in viaggio!

Previsioni meteo per mercoledì 1

mercoledì 1
fascia oraria:
Zoom 
per altre informazioni clicca qui sotto clicca sotto   
Stampa Stampa Vedi sulla stessa mappa: Traffico  Pedaggi  Servizi  PuntoBlu 
Legenda completa »

Legenda Meteo

  • Rete Autostrade per l'Italia
  • Sereno
  • Nuvoloso
  • Coperto
  • Pioggia
  • Rete Altre Concessionarie
  • Rovesci
  • Temporale
  • Neve
  • Nebbia
a cura di Aeronautica militare Centro Meteo Italiano

Nord

Cielo in prevalenza sereno, ma con sviluppo di nubi cumuliformi sui rilievi alpini centro-occidentali dove non si escludono locali e brevi rovesci pomeridiani comunque in rapida attenuazione serale

Centro

Tempo stabile all'insegna del cielo prevalentemente sereno, seppur con temporanei annuvolamenti pomeridiani sui rilievi ed in dissolvimento serale

Sud

Cielo generalmente sereno, con temporanei addensamenti pomeridiani sui rilievi e possibilita' di qualche breve rovescio associato su quelli della Calabria ma in rapido dissolvimento serale

Temperature

Massime stazionarie su Molise, Puglia e Basilicata, in generale aumento sulle rimanenti regioni; minime stazionarie o in lieve aumento al sud, in generale aumento sul resto d'Italia

Venti

Deboli settentrionali con locali rinforzi su Molise, Puglia e Basilicata; deboli variabili sul resto del paese, a regime di brezza lungo le coste e con rinforzi orientali sulla Sardegna meridionale

Situazione in Europa

Sullo scenario euro-atlantico persistono una configurazione di blocco e basse velocita' zonali, come ben evidenziato dal segno negativo dell'indice di oscillazione artica. Con un'area di alta pressione posizionata sulla groenlandia, la depressione d'islanda e' posizionata molto a sud, appena ad ovest della gran bretagna; una circolazione depressionaria il cui asse si spinge fin sulle isole canarie a determinare una decisa risalita di aria subtropicale verso il Mediterraneo centro-occidentale e l'Europa occidentale, flusso che a sua volta alimenta un promontorio la cui sommita' si spinge fin sulla penisola scandinava. Ad est, sulla Russia europea, sul bosforo e sul Mediterraneo orientale, una seconda vasta area depressionaria chiude la configurazione di blocco. A d+1 situazione pressoche' invariata in termini di circolazione, ma con ulteriore rafforzamento dell'anomalia positiva del geopotenziale sul Mediterraneo cui si associa una anomalia positiva del campo termico centrata tra francia, spagna e settore occidentale del bacino ma tendente ad estendersi verso l'Europa centrale. A d+2 nel persistere della situazione di blocco, l'asse del promontorio subisce un tilting verso est favorendo un ulteriore aumento del geopotenziale alla sua base, sempre per effetto dell'intenso flusso di aria subtropicale che scorre sul bordo ascendente della saccatura atlantica. Al contempo, la direttrice nordorientale che assumono le correnti sul bordo orientale del promontorio, genera un aumento dell'avvezione di vorticita' positiva che determina l'evoluzione in cut-off della parte piu' meridionale della saccatura sul mar nero, figura che assume un moto debolmente retrogrado

Situazione in Italia

L'Italia centro-settentrionale, come l'Europa occidentale e il Mediterraneo centro-occidentale, sono sotto l'influenza del solido promontorio sviluppatosi ad est della depressione atlantica. Il campo di massa, gia' elevato, e' in ulteriore aumento, cosi' come il campo termico. Sul meridione, segnatamente al versante Adriatico ed all'area ionica, le correnti in quota sono invece settentrionali, cosi' come quelle nei bassi strati. A d+1 il campo di massa e quello termico crescono ulteriormente, sebbene si noti il passaggio di una lieve flessione della tropopausa dinamica appena a nord delle Alpi, con modesta accentuazione dell'instabilita' termo convettiva sulle zone alpine. Al contempo, l'effetto subsidente che si realizza sulla pianura padana, sulla Sardegna e sulle regioni tirreniche, fornisce l'incipit alle condizioni di onda di calore, con le temperature massime che iniziano a raggiungere su queste zone i 35 gradi centigradi. A d+2 mentre la lieve flessione della tropopausa dinamica scorre sul basso Adriatico innescando una ripresa del gradiente barico, al nord, sulla Sardegna e sulle regioni tirreniche il campo termico aumenta ulteriormente e si consolidano le condizioni di onda di calore

Evoluzione

mercoledì 1: Modesta attivita' termo-convettiva sulle Alpi centrali. Temperature in aumento. Moderata ventilazione settentrionale sulla Puglia e sulla Calabria ionica

giovedì 2: Tempo stabile, fatta eccezione per isolata convezione pomeridiana sulle Alpi centro-orientali. Valori di temperatura al di sopra dei limiti di soglia con innesco delle condizioni di onda di calore sulla pianura padana, sulla Sardegna, sulle regioni centrali tirreniche e sull'Umbria

venerdì 3: Convezione pomeridiana che si sposta, sempre a carattere isolato, sulle Alpi occidentali. Onda di calore che persiste sulla pianura padana, sulla Sardegna, sulle regioni centrali tirreniche e sull'Umbria. Si rinnova la ventilazione settentrionale sul basso versante Adriatico

Tendenza

sabato 4: Un po' piu' di nubi nelle ore calde sui rilievi appenninici meridionali in un contesto di tempo stabile, soleggiato e caldo per tutto il paese. Temperature elevate con persistenza delle condizioni di disagio per le regioni settentrionali specie in pianura padana per quelle tirreniche e per la Sardegna. Ventilazione settentrionale su basso Adriatico e Jonio e debole ma con rinforzi di brezza lungo le coste per il resto del territorio. Mari quasi calmi o poco mossi, salvo moto ondoso piu' accentuato per il basso Adriatico e lo Jonio settentrionale

domenica 5: Qualche annuvolamento in piu' sul meridione e sulle zone alpine, con tempo invece stabile e soleggiato sul resto del territorio. Temperature ancora elevate, specie al nord, sulla Sardegna e sulle regioni tirreniche, dove persisteranno le condizioni di onda di calore. Ventilazione debole e in genere non significativa e moto ondoso dei mari ovunque assente o poco consistente