Previsioni Meteo

Consulta le previsioni meteorologiche
prima di metterti in viaggio!

Previsioni meteo per lunedì 22

lunedì 22
fascia oraria:
Zoom 
per altre informazioni clicca qui sotto clicca sotto   
Stampa Stampa Vedi sulla stessa mappa: Traffico  Pedaggi  Servizi  PuntoBlu 
Legenda completa »

Legenda Meteo

  • Rete Autostrade per l'Italia
  • Sereno
  • Nuvoloso
  • Coperto
  • Pioggia
  • Rete Altre Concessionarie
  • Rovesci
  • Temporale
  • Neve
  • Nebbia
a cura di Aeronautica militare Centro Meteo Italiano

Nord

Sereno o poco nuvoloso ma con presenza di nubi basse o nebbie in banchi sulla pianura padano-veneta in parziale diradamento pomeridiano ma in nuova intensificazione dopo il tramonto; nubi in aumento sulla Liguria con possibili deboli piogge o pioviggini dalla notte

Centro

Sereno o poco nuvoloso ma con nubi in aumento sulla Toscana, Umbria, Lazio e settore occidentale e meridionale della Sardegna; dopo il tramonto intensificazione delle foschie con formazione di nebbie in banchi nelle valli, aree pianeggianti e lungo i litorali

Sud

Sereno o poco nuvoloso con locali residui addensamenti tra Sicilia e Calabria meridionale in miglioramento, con tendenza nel corso della notte a nubi in arrivo sul litorale campano con formazione di nebbie in banchi nelle valli ed aree di pianura durante le ore notturne ed al mattino

Temperature

Senza apprezzabili variazioni

Venti

Deboli settentrionali al sud con residui rinforzi sull'area ionica; deboli variabili al centro-nord tendenti a sudovest sulla Liguria, Toscana, Umbria e Marche con locali rinforzi

Situazione in Europa

Il flusso perturbato principale continua a presentare un'elevata zonalita' tra l'atlantico settentrionale e l'Europa occidentale; e' tuttavia ancora presente sullo scenario un ramo del getto polare diretto verso sud che scorre lungo il bordo orientale dell'anticiclone, descrivendo un meandro che presenta un asse intorno al 30°e con relativa consistente avvezione fredda in discesa sul settore orientale dei balcani. La circolazione ciclonica sulla penisola iberica si chiude traslando in modo retrogrado verso sud-ovest e continuando a essere l'unica interruzione di una fascia anticiclonica altrimenti estesa a tutte le medie latitudini dell'atlantico e dell'Europa centro-occidentale; tale circolazione ciclonica tende a raccordarsi all'asse di saccatura sui balcani per il tramite di una debole discontinuita' della tropopausa dinamica disposta al traverso del Mediterraneo centrale. A d+1 pur in presenza di una persistente zonalita' sull'Europa centro-settentrionale, il campo di massa tende a cedere temporaneamente sul vicino atlantico e a irrobustirsi ulteriormente sul Mediterraneo centrale. Al contempo, il cut-off sull'atlantico occidentale, inizia a favorire un nuovo aumento del campo di massa sul settore centrale del bacino, guadagno che per la media scadenza, diventera' origine di un blocco in atlantico da cui derivera' un brusco cambiamento di massa d'aria sull'Europa centrale. A d+2 il campo anticlonico presente sul Mediterraneo centrale garantisce ancora una certa stabilita' anche se per fine scadenza il campo di massa comincia lentamente a cedere a causa della spinta verso sud da parte di un minimo presente tra l'islanda e la penisola scandinava. La circolazione ciclonica sull'atlantico occidentale tende a traslare verso le coste del marocco, presentando due tda, la piu' orientale delle quali interessera' il Mediterraneo centro-occidentale a fine periodo

Situazione in Italia

La circolazione in quota assume una direttrice nord-occidentale a decisa curvatura anticiclonica, pur in un campo barico alto e livellato, manifestandosi nei bassi strati con un debole effetto di sottovento, con avvezione di umidita' tra l'alto Tirreno e il Mar Ligure. L'avvezione fredda sul bordo orientale dell'anticiclone e' ormai sul Mediterraneo orientale, mentre la discontinuita' di massa d'aria e' ormai al largo sullo Jonio. A d+1 il centro di massa dell'anticiclone si sposta sul Mediterraneo centrale e le correnti in quota, pur con gradiente molto lasco, assumono sul settore occidentale del bacino e ad ovest dell'Italia una direttrice sudoccidentale, con conseguente carico di umidita' negli strati piu' bassi dell'atmosfera e assenza di rimescolamento della massa d'aria. Per fine giornata, il campo di massa inizia a cedere sulle regioni settentrionali, mentre una tda interessera' i settori di nord-ovest. A d+2 malgrado il lento cedimento del campo di massa il flusso si presenta prevalentemente zonale, tuttavia il settore tirrenico e settentrionale della penisola sono interessati da due tda la prima delle quali, piu' veloce, incidera' al nord, mentre la seconda, piu' lenta, entrera' durante la seconda parte della giornata determinando un flusso sudoccidentale debolmente instabile sulle due isole maggiori e sud-orientale sullo Jonio

Evoluzione

lunedì 22: Vento di grecale in attenuazione in area ionica e, in generale, ventilazione che torna a provenire da meridione in area tirrenica, con conseguente aumento generalizzato della nuvolosita', pur in generale assenza di fenomeni, salvo isolate debole precipitazioni per fine giornata sul levante ligure e sull'alta Toscana. Persistono le nebbie in pianura padana e nelle valli del centro

martedì 23: Tempo stabile, ma con persistenza delle nebbie in pianura padana e nelle valli del centro. Nuvolosita' anche diffusa in area tirrenica ma senza pioggia, fatta eccezione per delle deboli piogge che potranno ancora interessare il levante ligure e l'alta Toscana. Ventilazione prettamente occidentale con temporanei rinforzi su Liguria e Toscana settentrionale

mercoledì 24: Aumento della copertura nuvolosa al nord e susseguentemente sulle regioni tirreniche con deboli precipitazioni inizialmente su Liguria, Piemonte, Toscana settentrionale e Veneto; durante la giornata le precipitazioni tenderanno a persistere maggiormente su Liguria di levante e zone di confine con la Toscana seppur con cumulati non significativi. Ventilazione a tratti moderata di libeccio su Liguria, Toscana e Marche

Tendenza

giovedì 25: Nuvolosita' variabile su tutte le regioni con nebbie diffuse, specie al nord durante le prime ore del giorno. Annuvolamenti piu' consistenti risulteranno in arrivo al nord e al centro tra il pomeriggio e la sera. Temperature in diminuzione al centro-nord ma solo nella serata, venti inizialmente deboli o moderati dai quadranti occidentali ma tendenti a rinforzare decisamente nella seconda parte della giornata. Moto ondoso dei mari in generale aumento

venerdì 26: Cielo molto nuvoloso o coperto al centro-sud con piogge e con temperature in decisa diminuzione anche a bassa quota in area appenninica; piu' stabile al nord