Autostrade per l'Italia

I maggiori cantieri sulla rete

La rete / I maggiori cantieri sulla rete

I maggiori cantieri sulla rete

Aspi sta realizzando un importante piano di potenziamento e ammodernamento della rete autostradale. Non tutte le lavorazioni sono tuttavia direttamente visibili dagli utenti in transito e ciò dipende dal tipo di intervento in corso.

Segnaletica Integrativa - Legenda

Lavori in Galleria
Indagini tecniche
Adeguamento strutture
Sostituzione barriere

In particolare nei lavori di ammodernamento delle gallerie gli addetti operano in turni continui all'interno di gallerie chiuse al traffico per ragioni di sicurezza e quindi non risultano visibili. Il traffico viene deviato sulla galleria nella carreggiata opposta con necessario anticipo attraverso restringimenti e deviazioni coerenti con gli obblighi normativi.
Nel caso di indagini tecniche e adeguamento dei viadotti, le attività avvengono di norma al di sotto del piano stradale. Le verifiche richieste dalle nuove norme inoltre possono comportare limitazioni permanenti anche durante le fasi di indagine, progettazione e appalto dei lavori, precedenti quindi la loro esecuzione.
Infine per la sostituzione e ammodernamento delle barriere di sicurezza le lavorazioni sono puntuali ma i cantieri vengono installati su tratti estesi per permettere l'avanzamento dei lavori senza dover procedere a continui spostamenti della segnaletica, che esporrebbero gli operatori a rischi eccessivi.

Siamo consapevoli che i cantieri rappresentano un disagio talvolta inaccettabile per gli utenti, nonostante siano motivati da un piano di ammodernamento infrastrutturale senza precedenti e realizzati con tutti i possibili accorgimenti per limitarne durata e impatto sulla circolazione. Anche per questo abbiamo sviluppato, primi gestori autostradali in Europa, l’app gratuita Free to X per ottenere il cashback del pedaggio in caso di ritardi causati da lavori sulla nostra rete. Per maggiori informazioni visita il sito www.freeto-x.it oppure la pagina www.autostrade.it/it/la-nostra-rete/i-maggiori-cantieri-sulla-rete

Lavori in Galleria Lavori in galleria
Sostituzione barriere Sostituzione barriere

AMMODERNAMENTO GALLERIE A14 BOLOGNA-TARANTO: CONDIVISO AL TAVOLO CON REGIONE MARCHE E COMUNI IL PROGRAMMA DELLE NUOVE FASI DI LAVORO 

PREVISTA LA SOSPENSIONE DEI CANTIERI IN OCCASIONE DELL’ULTIMO FINE SETTIMANA DI SETTEMBRE E PER LE PRINCIPALI FESTIVITA’ 

SARA’ ATTIVO IL NUOVO SERVIZIO DI CASHBACK DEL PEDAGGIO IN CASO DI RITARDI ATTRAVERSO L’APP GRATUITA FREE TO X 

San Benedetto del Tronto, 17 settembre 2021 - Torna operativo a partire da lunedì 20 settembre il piano di ammodernamento della rete, avviato da Autostrade per l’Italia sulle gallerie della A14 tra Pedaso e Grottammare e sospeso nel mese di luglio per agevolare gli spostamenti verso le località turistiche. Il cronoprogramma delle attività del prossimo trimestre vedrà tre macro fasi, intervallate da sospensioni pianificate, come avvenuto per la pausa estiva, legate alle festività calendarizzate fino a fine anno, con la massima attenzione agli utenti, in considerazione dei maggiori flussi previsti. Inoltre per l’ultimo fine settimana di settembre, in considerazione dei flussi di traffico previsti, tutte le attività verranno sospese a partire dalle 12:00 di venerdì alle 12:00 del lunedì. 

Le modalità di cantierizzazione sono state condivise nella giornata di oggi a un tavolo con le Istituzioni territoriali, coordinato dalla Regione Marche, a cui hanno preso parte anche i sindaci dei Comuni attraversati dalla direttrice Adriatica nel tratto marchigiano. Erano presenti tra gli altri i rappresentanti dei Comuni e delle Istituzioni del territorio e le associazioni di categoria. 

In questa prima fase il piano di ammodernamento riguarderà complessivamente sei fornici: la galleria Pedaso in direzione Nord e le cinque gallerie posizionate in sequenza nel tratto tra Pedaso e Grottammare in direzione Sud. Sarà come sempre garantito il massimo impegno delle imprese e dei tecnici coinvolti, che opereranno in turni continui h24 sette giorni su sette. Complessivamente coinvolti circa 165 operatori per un investimento di 26 milioni di euro

La Direzione di Tronco di Pescara di Autostrade per l’Italia ha predisposto un servizio dedicato con squadre addette al pronto intervento e alle segnalazioni di eventuali turbative e con personale della Protezione Civile per fornire assistenza agli utenti in caso di difficoltà. 

Gli utenti che subiranno rallentamenti per la presenza dei cantieri, potranno attivare la procedura per il rimborso del pedaggio attraverso l’app Free to X, disponibile gratuitamente su tutti gli store per dispositivi Android e IOS. Il servizio di cashback del pedaggio autostradale, previsto nell’ambito del piano strategico di trasformazione di Autostrade per l’Italia, sulle tratte in gestione, è aperta infatti da oggi a una fase sperimentale (fino al 31/12/2021) per l’utilizzo di massa, indipendentemente dalla classe di veicolo e dal mezzo di pagamento utilizzato. Ai consorzi e ai loro associati il servizio sarà reso accessibile in una fase successiva, grazie a un processo di adesione dedicato che consentirà di recuperare retroattivamente i rimborsi relativi agli itinerari percorsi dal 15 settembre.  Maggiori informazioni disponibili sul sito FREE TO X. 

AGGIORNAMENTO:

San Benedetto del Tronto, 11 gennaio 2022 - Dalle 22:00 di Lunedì 10 gennaio 2022 nella tratta tra Pedaso e Grottammare – come condiviso con gli Enti Territoriali - la cantierizzazione delle gallerie Pedaso, S. Basso, Castello di Cupramarittima, Acquarossa, S. Cipriano e Castello di Grottammare, in modalità H24 e 7/7, verrà modulata in base ai flussi di traffico e consentirà di avere due corsie nella direzione prevalente di traffico (bretella) al raggiungimento di una coda indicativa di circa 3 km per agevolare il deflusso.

 

Consulta la pianificazione dei maggiori cantieri sulla rete Ligure

Consulta la pianificazione dei maggiori cantieri sulla rete Toscana

 

Il piano di ammodernamento  della rete avviato da Autostrade per l’Italia nel gennaio del 2020 sugli oltre 4500 tra ponti, viadotti e gallerie è finalizzato ad acquisire, attraverso sofisticate tecniche di indagine, il massimo livello di conoscenza delle strutture, i cui relativi esiti sono regolarmente caricati sulla banca dati ufficiale AINOP del MIMS. Nell’ultimo biennio, ASPI si è messa al lavoro per contribuire a introdurre elementi di innovazione nel campo delle infrastrutture. La società sta infatti portando avanti, con risorse raddoppiate nell’ambito degli impegni inseriti nel piano economico/finanziario – attualmente al MIMS – il programma dei lavori che prevede 6,1 miliardi di investimenti e 2,5 di spese di manutenzione al 2024.

Il piano di Assessment segue le nuove linee guida del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, si tratta di standard precedentemente non normati nel settore stradale e autostradale, a livello nazionale, e introdotti da ASPI e il MIMS sulla base delle tecniche elaborate in Francia dal CETU, e prevede due fasi ispettive:

  • una valutazione preliminare che prevede un sopralluogo con le piattaforme per osservare il calcestruzzo, un test delle superfici e la verifica di tutte le canaline e dell’ancoraggio degli impianti che restituisce un quadro approfondito in termini di transitabilità e prestazione;
  • una seconda fase di approfondimento, che può essere avviata immediatamente dopo o programmata in un secondo momento, analizza in modo millimetrico lo stato dell’infrastruttura, lo spessore dei materiali di costruzione della galleria insieme a quello del terreno che circonda l’opera.

Il processo è stato definito in accordo con il Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili e coinvolge i più importanti istituti Universitari d’Italia. Il piano di ammodernamento viene svolto con il concorso di tutte le principali società del gruppo Autostrade per l'Italia: gli interventi vengono progettati dalla società di ingegneria Tecne ed eseguiti, secondo quanto previsto dalla normativa, da Pavimental. Nell’anno e mezzo di pandemia, con i flussi di traffico scesi per le restrizioni alla mobilità, i lavori non si sono mai interrotti con oltre 300 cantieri attivi lungo tutta la rete autostradale.

I programmi di ammodernamento e potenziamento delle opere d’arte della rete per i prossimi anni sono in continua crescita sulla base dell’esito delle attività di assessment (la cui conclusione è prevista per la fine del 2023) e alla definizione degli interventi nell’arco di un quinquennio.