Lingua

Blog

« Torna

festività in Vietnam

Accanto alla principale festa del Calendario Tradizionale, il Tet Nguyen Dan, ricorrenza a scadenza mobile celebrata fra la fine di gennaio e le prime due settimane di febbraio, esistono in Vietnam numerose altre festività civili e religiose. In occasione del Solstizio d'estate, si celebra in tutto il paese il Tet Doan Ngo, i cui rituali prevedono, l'abbruciamento di fantocci di cartapesta allo scopo di preservarsi, secondo la tradizione, dalle malattie, dalle epidemie e dalla sfortuna. Il paese, di notte, diviene un grandioso scintillar di falò.

Il mondo degli spiriti è propiziato dalle etnie animiste delle montagne attraverso varie offerte di maiali e bufali. Le cerimonie, moltissime e disseminate nel corso dell'anno, sono altamente suggestive. A metà maggio il Vietnam celebra la Festa di Buddha. Natale, nel Sud del paese e soprattutto a Città Ho Chi Minh, ha grande risonanza. Numerose le celebrazioni confuciane (Dong Chi, in novembre, Tru Tich, in dicembre ed altre) e non : la nascita di Lao Tse si celebra in maggio, quella di Quan An in febbraio. Varie le festività patronali (Hoi Tan) celebrate in ciascun villaggio, ognuna con peculiari rituali che variano dalle danze, alle cerimonie votive, ai canti religiosi, ai momenti più prettamente di svago.

In marzo si celebra la Festa della Pura Chiarezza, una festa di raccoglimento, mentre in ottobre ricorre la festa del Doppio Nove le cui danze rituali celebrano (l'Imperatrice che si purifica con le foglie di Gelso);  è la stagione dei crisantemi e, per i vietnamiti più romantici, è ancora tradizione riunirsi per comporre piccoli poemi, in onore dell'autunno.
Fonte: www.dulichso.com

Successivo
Commenti