Riduzione CO2

Aree di Lavoro

La riduzione dell’impronta ambientale è un obiettivo condiviso con tutti i collaboratori, consapevoli della sua rilevanza per il successo del Gruppo e il futuro dell’ambiente.

Autostrade per l’Italia è conscia della rilevanza sociale del proprio ruolo: pur non rientrando nella sfera di interesse delle direttive europee sull’Emission Trading, ha deciso di perseguire gli obiettivi italiani e comunitari in tema di energia e ambiente.

Questa scelta, con conseguenze positive per l’ambiente e la comunità, ha ricadute anche su clienti, collaboratori e mondo della ricerca, chiamati ad affiancare il Gruppo nell’azione di riduzione delle emissioni carbonio. Sviluppo ambientale sostenibile significa lotta agli sprechi energetici e adozione di fonti rinnovabili, puntando su soluzioni tecnologiche innovative nei materiali, nelle metodologie e negli strumenti, secondo i più sfidanti standard ambientali. Un processo di recepimento delle istanze ambientali che chi lavora per il Gruppo e chi percorre la rete autostradale incontra nei cantieri aperti e nel trasformarsi delle strutture.

L’efficacia dell’approccio adottato, ha portato il Gruppo ad aggiudicarsi nel 2010 il premio Best Carbon Reduction Company Italy, riservato all’azienda maggiormente impegnata nella riduzione delle emissioni di anidride carbonica. L’azienda ha riconfermato:

  • l’adesione a progetti che accolgono l’istanza della necessità di un utilizzo più responsabile delle autovetture sotto il profilo ambientale espressa in più occasioni e in vari modi dalla comunità (Progetto Car Pooling)
  • la partecipazione a occasioni di confronto con istituzioni e altre parti interessate all’impatto ambientale delle modalità di gestione della rete autostradale, nonché del suo sviluppo (Osservatori Ambientali di Autostrade per l’Italia, Protocolli d’intesa)
  • l’attenzione ai progressi tecnologici ottenuti dalla ricerca nel campo delle energie sostenibili e la loro introduzione in ogni fase dei processi produttivi, quando possibile (sviluppo del Fotovoltaico in area di servizio e lungo la rete, rinnovamento della flotta aziendale, interventi di efficienza energetica sugli impianti)
  • il potenziamento delle infrastrutture, lo sviluppo di sistemi tecnologici e la riduzione dei cd “colli di bottiglia” per il miglioramento della fluidità del traffico e la riduzione dei consumi e delle emissioni degli autoveicoli (terze e quarte corsie, Tutor, Telepass, infoviabilità)

Un impegno che nel 2012 è ulteriormente proseguito anche con il progetto Carbon Footprint, un accordo volontario stipulato con il ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare per la determinazione dell’impronta di carbonio delle attività aziendali. E’ il primo accordo di questo tipo siglato in Italia e specifico per le attività di gestione di un’infrastruttura stradale, con il quale Autostrade per l’Italia compie un significativo passo in avanti verso il miglioramento del proprio impatto ambientale, grazie all’adozione di una metodologia standard di calcolo delle emissioni e di un sistema gestionale delle stesse.