Autostrade per l’Italia è da sempre impegnata nel perseguire lo sviluppo tecnologico e il miglioramento degli standard di sicurezza.

Come nasce il Tutor

Autostrade per l'Italia avvia nel 2004 lo sviluppo del progetto sulla base di un'idea condivisa con la Polizia Stradale e le Associazioni dei Consumatori.

La Polizia Stradale e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti contribuiscono a definire le specifiche di funzionamento del sistema che, dopo una fase di sperimentazione, viene sottoposto all'iter di omologazione ministeriale, conseguita nel dicembre 2004.

Il Tutor è il primo strumento in Italia che permette di rilevare la velocità media dei veicoli ed è conforme alle nuove norme che consentono il sanzionamento automatico delle violazioni dei limiti di velocità senza la presenza su strada dell'agente di Polizia.

Il sistema è stato sviluppato da Autostrade per l'Italia e gestito dalla Polizia Stradale, che, per legge, è l'unico soggetto titolato all'uso del sistema per la rilevazione e il sanzionamento delle infrazioni accertate.

Ai sensi dell'Art. 208 del D.Lgs. n. 285/1992 le sanzioni sono emesse ed incassate direttamente dallo Stato e non vanno, quindi, in nessuna misura, a beneficio di Autostrade per l'Italia.

I punti di forza del progetto

Innovativo: perché prevede, come funzionalità primaria, il rilevamento della velocità media su tratto: novità assoluta a livello italiano e tra le primissime applicazioni in Europa e nel mondo.

Efficace: a differenza dei sistemi tradizionali, il Tutor permette di rilevare l'eccesso di velocità come comportamento abituale di guida ed è, inoltre, in grado di funzionare in qualsiasi condizione atmosferica e di illuminazione (di notte, con pioggia, in presenza di nebbia con visibilità fino a 30/40 metri).

Completamente automatico: perché riconosce la classe del veicolo in relazione ai diversi limiti di velocità stabiliti dal Codice e, una volta riscontrata la violazione e previa convalida dell'agente di Polizia, interroga gli archivi della Motorizzazione per risalire all'intestatario, compila e stampa il verbale per la firma in originale e, contestualmente, inoltra in via informatica i dati al centro di elaborazione e stampa di Poste Italiane per la procedura di notifica al trasgressore.

Il funzionamento

Il Tutor permette, grazie all'installazione di sensori e portali con telecamere, il rilevamento della velocità media lungo tratte autostradali di lunghezza variabile, indicativamente tra 10 e 25 Km.

La velocità media è calcolata in base al tempo di percorrenza: il sistema monitora tutto il traffico e ne registra gli orari di passaggio sotto i portali posti all'inizio ed alla fine della tratta controllata. I dati relativi ai veicoli la cui velocità media non supera quella consentita vengono automaticamente eliminati.

Il funzionamento del Tutor è totalmente indipendente dalla presenza o meno di un Telepass a bordo.
L'eventuale segnale acustico emesso dal Telepass al passaggio sotto i portali dove è installato il Tutor è dovuto alla presenza, sullo stesso portale, del sistema per il rilevamento dei tempi di percorrenza basati sui transiti Telepass e indica che le batterie dell'apparecchio sono vicine all'esaurimento.

Tratte su cui è installato il Tutor

Il sistema Tutor è stato installato lungo quelle tratte che presentavano tassi di mortalità superiori alla media. Attualmente il controllo della velocità tramite Tutor è attivo su oltre 2.500 km di carreggiate (pari a circa il 40% della rete del Gruppo Autostrade per l'Italia) ed ha permesso, nei primi 12 mesi di funzionamento, di registrare una significativa riduzione della velocità media (- 15%) e della velocità di picco (- 25%), determinando anche una netta diminuzione dell'incidentalità e delle conseguenze alle persone:

  • Tasso di mortalità: -51%
  • Tasso incidentalità con feriti: -27%
  • Tasso di incidentalità: -19%

Su tutte le tratte autostradali con sistema Tutor è stata installata un'apposita segnaletica di preavviso.
D'intesa con la Polizia Stradale, stiamo progressivamente installando il sistema Tutor lungo quelle tratte che presentano tassi di mortalità superiori alla media.

Tutela della privacy

Un grosso sforzo è stato fatto da Autostrade per l'Italia e dalle Associazioni dei Consumatori al fine di tutelare la privacy dei viaggiatori. Le targhe dei veicoli che rispettano i limiti di velocità vengono immediatamente cancellate e non è inoltre possibile tracciare un veicolo attraverso il Tutor per fini diversi da quelli legati al calcolo della velocità.