Asfalto drenante

Case studies

Autostrade per l’Italia mira a innalzare continuamente il livello del servizio offerto. La sicurezza dei viaggiatori è un obiettivo irrinunciabile, da raggiungere grazie a innovazioni quali l’asfalto drenante, sinonimo di maggiori visibilità e comfort di guida

La ricerca e l’innovazione anche per quanto riguarda i materiali utilizzati lungo la rete stradale contraddistinguono da sempre l’operato di Autostrade per l’Italia. L’impegno del Gruppo nel migliorare gli standard di sicurezza del viaggio è esemplificato dall’impiego di asfalto drenante, cresciuto esponenzialmente dal 1999 (primo anno di gestione) a oggi.

Asfalto drenante: progressi continui

L’asfalto drenante migliora la visibilità e il comfort di guida sotto la pioggia, riducendo al contempo il rischio di acquaplaning e l’inquinamento acustico: in poche parole, più sono i chilometri di strada pavimentati con asfalto antipioggia, maggiore è la sicurezza dei viaggiatori. Considerando anche le Società Controllate da Autostrade per l’Italia, la percentuale di asfalto drenante steso sull’intera rete del Gruppo 3.095,5 Km alla fine del 2011 è pari al 80% (100% della rete considerando che sul restante 20% non è opportuno intervenire : tratti di montagna, gallerie, lavori in corso) rispetto al 18% del 1999.

A lavoro completo, una nuova pavimentazione

La stesura dell’asfalto drenante è di fatto completa: l’asfalto tradizionale rimane solo in gallerie e tratti di montagna, cui non si adatta la pavimentazione antipioggia.
Autostrade per l’Italia sta dunque procedendo alla stesura di una pavimentazione antipioggia ad alta durabilità là dove possibile. La superficie autostradale pavimentata con l’asfalto di nuova generazione è pari all’11%.