Homepage

Chi siamo / Storia



Autostrade per l'Italia si posiziona ai primi posti in Europa tra i concessionari di costruzione e gestione di autostrade a pedaggio con oltre 3.000 km di rete gestita in Italia.

Storia

1950 viene costituita dall'IRI la Società Autostrade Concessioni e Costruzioni Spa con l'obiettivo di partecipare, insieme ad altri grandi gruppi industriali, alla ricostruzione post bellica dell'Italia.
1956 viene firmata la prima Convenzione tra ANAS e Autostrade, in base alla quale quest'ultima si impegna a co-finanziare, costruire e gestire l'Autostrada del Sole tra Milano e Napoli, inaugurata nel 1964.
1982 costituzione, con l'aggregazione di altre Società Concessionarie autostradali, del Gruppo Autostrade.
1987 Autostrade Concessioni e Costruzioni S.p.A. è quotata presso Borsa Italiana S.p.A., nel listino Mib30
1990 il Gruppo Autostrade introduce il Telepass, il primo sistema al mondo su larga scala per il pagamento dinamico del pedaggio, che ad oggi conta oltre 8 milioni di Clienti.
1992 Autostrade partecipa al primo progetto di autostrada a pedaggio nel Regno Unito, la M6 Toll di Birmingham, che entrerà in esercizio nel 2003.
1995 la Società realizza la prima autostrada a pedaggio finanziata con risorse private negli Stati Uniti, la Dulles Greenway, in Virginia.
1997 viene firmata la nuova Convenzione tra ANAS e Autostrade, che prevede l'estensione della Concessione dal 2018 al 2038 e l'impegno, tra gli altri, alla costruzione della Variante di Valico.
1999 la Società Autostrade viene privatizzata e al Gruppo IRI, azionista di riferimento dalla nascita della Società, subentra con il 30 % un nucleo stabile di azionisti privati, riuniti nella Società Schemaventotto Spa; il restante 70 % è quotato in Borsa.
2002 Autostrade vince la gara internazionale indetta dal governo Austriaco per creare il più evoluto sistema al mondo di tele pedaggio elettronico non-stop per mezzi pesanti: il sistema è stato completato, attivato nel 2004 e gestito dalla società Europpass, di cui l'Ente concedente austriaco Asfinag ha assunto il controllo ad agosto del 2004.
2003 a seguito di un nuovo assetto organizzativo, le attività di concessione autostradale vengono conferite ad Autostrade per l'Italia, controllata al 100% da Autostrade SpA (oggi Atlantia) che rimane quotata in borsa.
2004 diviene efficace un' integrazione alla Convenzione del 1997 (IV Atto Aggiuntivo) nella quale Autostrade per l'Italia si impegna in un ulteriore piano di potenziamento della rete; tra i principali interventi previsti vi sono la realizzazione del Passante di Genova, la 3ª corsia sull'A14 adriatica tra Rimini Nord e P.to S.Elpidio e la 4ª corsia tra Milano Est e Bergamo (aperta al traffico nel settembre 2007).
2008 è divenuta efficace per legge la Convenzione Unica di Autostrade per l'Italia che, in tema di investimenti, prevede l'impegno a sviluppare la progettazione preliminare per il potenziamento di alcune tratte autostradali su circa 330 Km di rete, il cui costo realizzativo è stimato in circa 5 miliardi di €. Sono stati inoltre individuati specifici interventi di potenziamento della rete, per un importo di circa 2 miliardi di €.
2015 Il 23 dicembre viene aperta al traffico la Variante di Valico, tracciato alternativo che rende più veloce il tratto apppenninico dell'A1 tra Bologna e Firenze. L'opera consiste nel potenziamento di 59 km di tracciato, di cui 32 in Variante, con 41 nuove gallerie e altrettanti viadotti per 2 corsie per senso di marcia, 2 nuove Aree di Servizio e 2 nuovi svincoli. Con un abbassamento della quota di valico di 226 metri, la nuova via consente una riduzione di oltre il 30% dei tempi di percorrenza media e il risparmio annuo di circa 100 milioni di litri di carburante.