Aree di lavoro / Sicurezza

Sicurezza



Autostrade per l'Italia si posiziona ai primi posti in Europa tra i concessionari di costruzione e gestione di autostrade a pedaggio con una rete di circa 5.000 km in Italia, Brasile, Cile, India e Polonia.

Raggiungere standard sempre più elevati di sicurezza stradale è l'obiettivo primario di Autostrade per l'Italia, da perseguire con il contributo di tutte le componenti del Gruppo. Il successo nella sfida della riduzione dei tassi di incidentalità e mortalità è uno dei principali indicatori dei nostri livelli di performance Il tasso di mortalità sulla rete del gruppo si è ridotto del 79% dal 1999 al 2017 con oltre 300 vite umane salvate ogni anno

I risultati conseguiti dall'inizio della gestione della rete di Autostrade per l'Italia quanto a riduzione del tasso di incidentalità e della mortalità non sono casuali, ma il frutto di un approccio globale al tema della sicurezza. L'azione di contrasto ai fattori di rischio interessa tutti gli stakeholder e trova realizzazione tanto in innovazioni tecnologiche e infrastrutturali, quanto in iniziative di tipo culturale e pubblicitario.

  • l'attività di ricerca e sviluppo, che ha portato all'utilizzo diffuso di tecnologie come l'asfalto drenante e il tutor, fondamentali per migliorare il comfort del viaggio e diffondere il rispetto delle regole di guida.
  • l'apertura del canale televisivo My way dedicato
    • 30 collegamenti di 2 minuti in onda tutti i giorni dalle 7.10 alle 21.40, ogni 30 minuti;
    • 20 dirette in onda settimanalmente su sky TG 24; (Nota la carta dei servizi parla di 2/giorno + quelli durante i weekend per un totale di 18)
    • Dirette straordinarie durante i periodi di festività, di esodo o di particolari criticità legate al traffico o eventi meteo;
  • l'ideazione e la realizzazione di campagne e progetti volti a diffondere le buone pratiche di guida e alla prevenzione dei rischi legati allo stato psico-fisico dei viaggiatori;
  • gli oltre 2.000 interventi realizzati sui punti con incidentalità superiore alla media, l'asfalto drenante applicato al 100% della rete gestita escludendo le aree in cui non è opportuno intervenire (tratti di montagna, gallerie, tratti con lavori di ampliamento in corso);
  • la costante attività di monitoraggio e valutazione dei livelli di servizio lungo la rete – spesso coinvolgendo le istituzioni locali e i clienti, come nella Consulta per la sicurezza e la qualità del servizio;
  • gli interventi volti al miglioramento della qualità del servizio e al potenziamento dell'infrastruttura autostradale (terze e quarte corsie, miglioramento delle aree di sosta, aree gioco per bambini);
  • la partecipazione a trasmissioni televisive e radiofoniche, convegni, manifestazioni ed eventi ad hoc con la finalità di diffondere nel grande pubblico la cultura della sicurezza stradale.